Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

RECENSIONE NUOVA RISTAMPA 426: “YUCATAN!”

426 1di Lorenzo Barruscotto

Va bene, amigos, abbiamo corso abbastanza. Adesso possiamo tirare il fiato. 

Come, dove stiamo andando? Eravamo appena usciti dall'ufficio del commissario portuale nel paesino di Matamoros, Messico, dove ci siamo lasciati alle spalle due cadaveri, quello del commissario corrotto, per l'appunto, e quello di Butler, un fior di farabutto, ricercato per un traffico d'armi, dopo che entrambi avevano cercato di ricamarci la carcassa a suon di piombo e che quindi ci eravamo visti costretti a mettere in condizioni di non nuocere. 

Non c'è riposo in vista per Tex e Carson, però, poiché basta voltare l'angolo ed un nuovo scambio di opinioni calibro 45 li aspetta, proprio fuori dal loro albergo.

La lunga ed entusiasmante sequenza viene rappresentata in modo realistico e vivace dalle chine di Marcello che sembra quasi farci posto per assistere meglio alla scena, tra le arcate dei portici dietro ai quali i due pards trovano un riparo di fortuna da cui rispondere al fuoco. 

Un esilarante momento offertoci da una “caricatura di sergente” come lo battezza Carson, conclude la prima parte di questa avventura che ci porterà ben lontani da casa, in compagnia di un amico non esattamente portato per l'azione. 

Sapete già di chi parlo, se avete letto l'albo precedente: si tratta di quel “vecchio stregone” del Morisco.  

Una tappa a casa sua, a Pilares, ci riporta alla mente ricordi di fantastiche vicende passate, una fra tutte viene anche citata nell'albo: “Gli uomini giaguaro”, splendida storia di ormai parecchi anni fa, disegnata da Letteri. 

Non abbiate troppa fretta di promettere al “brujo” che non vi annoierete nell'ascoltare le spiegazioni: i paroloni che il simpatico studioso utilizza sarebbero soporiferi per ogni cowboy, molto più dedito a stare in sella che dietro una scrivania. 

Una piccola chicca: in una vignetta Tex non ha la sua solita bandana al collo. 

Evidentemente le citazioni storiche del Morisco hanno interdetto perfino il disegnatore, facendogli dimenticare quel particolare. 

Ma si può perdonare una svista, ad un artista di quel calibro. 

Nizzi ci riporta subito in viaggio, facendoci incontrare un altro amico, quasi un fratello, un alleato sul quale si può sempre contare quando ci si trova in terra messicana: Montales, stavolta in veste di politico, braccio destro del presidente e quindi non più solamente governatore dello stato di Chihuahua. 

Con nostro ma soprattutto suo sommo rammarico stavolta l'ex guerrigliero non può seguirci ed i due rangers in ogni caso non lo strapperebbero mai al suo dovere, anche se si tratta di un compito veramente spaventoso: esaminare un “mezzo quintale di scartoffie”. 

Dopo Città del Messico, le indagini ci portano a Veracruz, sempre sulle tracce del "Moctezuma", la nave che era sfuggita ai due pards nel volume precedente. 

Sembra quasi un caso fortuito ma veniamo messi sulla pista giusta da quello che all'apparenza ha tutta l'aria di essere un ladruncolo che vuole rifilarci della refurtiva da rivendere. 

Se non fosse per l'occhio allenato del Morisco, forse non avremmo mai riagguantato il bandolo di questa intricatissima matassa. 

Ovviamente non può andare sempre tutto liscio e nei bassifondi del porto Aquila della Notte e Capelli d'Argento si imbattono in una banda di brutti ceffi che pensano di avere gioco facile nell'alleggerirli dei loro portafogli. 

Quei "beccaccioni" non avrebbero mai immaginato che alla fine della "fiesta" sarebbero stati loro stessi a venire alleggeriti di qualcuno dei loro denti… 

Un simpatico allenamento per favorire la digestione, sarebbe il modo in cui Carson definirebbe la rissa dalla quale solamente due tizzoni d'inferno come i Nostri potrebbero uscire non solo senza un graffio ma perfino rimpiangendo che non ci siano più partecipanti. 

Non c'è tempo per indugiare in divertimenti, bisogna verificare la dritta ottenuta. 

426 2

 

Disegno: "Disegno di Lorenzo Barruscotto, tributo a Marcello"

 

Facciamo quindi la conoscenza di un viscido verme, talmente altezzoso e pieno di boria da far prudere le mani al solo vederlo.  

Ha un nome importante, si chiama De la Vega, ma non si può certo dire che possegga lo stesso spirito di quel De la Vega che viene in mente a tutti noi, appena il nostro cervello effettua istintivamente il collegamento con il celebre "Zorro". 

Si tratta di un crudele e borioso hidalgo anche se non c'è nulla di nobile nel suo atteggiamento e men che meno nelle sue azioni.  

Inoltre dimostra di possedere ben poca materia grigia, dal momento che non solo è convinto di poter ingannare Tex ma anche di avere la meglio su di lui in uno scontro, prima avvalendosi di un guardaspalle, anche più scarso di cervello del padrone, e poi utilizzando una frusta. 

Inutile dire che il gorilla, grande e grosso ma con la mascella di vetro, esce di scena in pochissimo tempo, messo a dormire dalle “carezze” di un Carson sempre in forma, mentre l'esimio senor De la Vega dopo aver “fatto solo vento” a Tex con il suo staffile va incontro alla meritata punizione. 

In effetti, questa che vi ho svelato, non può dirsi un'anticipazione di così grande rilievo dal momento che non è il primo cattivo che cerca di prendere Tex a scudisciate nel caliente Mexico (basti pensare al terribile carceriere della lunghissima e splendida avventura al fianco di Montales in cui proprio il Ranger, incarcerato ingiustamente in seguito ad una vile macchinazione, deve vedersela con “L'uomo con la frusta”, realizzata in tandem da Fusco e Civitelli, numero 365 e seguenti) ma questo piccione vestito a festa non merita neanche di venire considerato una minaccia. 

Vi sorprenderete a ridere da soli quando sentirete el Morisco lamentarsi del fatto che, facendo svolazzare l'avversario per la stanza, Tex rischia di danneggiare inestimabili opere d'arte. 

L'avventura si conclude con i Nostri imbarcati su una nave diretta sempre più nel cuore del Messico, dopo aver strappato le informazioni necessarie al ricettatore e ci viene offerta una sorta di piccolo assaggio di quello che ci aspetta, condito con le solite lunghe anche se utilissime spiegazioni da parte del nostro colto compagno di viaggio: ci vengono mostrati un cenote, pozzo naturale utilizzato per offerte votive e sacrifici agli dei ed un aguzzino crudele e spietato che sembra avere come passatempo preferito quello di far soffrire gli altri e come unico obiettivo quello di ammassare oro sfruttando indiani indifesi. 

Solo che questi pellerossa non sono indiani delle praterie, ma si tratta di Maya, gli ultimi discendenti del popolo che dominava nel Centro America e che un fantomatico “professore”, il quale, a quanto ci sembra di capire, non deve avere tutte le rotelle a posto dal momento che pare si proclami la reincarnazione di un antico dio, vorrebbe veder tornare ai fasti di un tempo, ribellandosi contro gli uomini bianchi. 

Che fossero destinati a questo scopo, le famose armi sulla cui pista si erano gettati i Rangers all'inizio della loro indagine partendo da Laredo? 

Nella giungla dello Yucatan tra giganteschi serpenti e sacrifici umani bisognerà ricorrere alla regola di sempre per uscirne vivi:  

occhi aperti e dito sul grilletto!

Soggetto e sceneggiatura: Claudio Nizzi 

Disegni: Carlo Marcello 

Copertina: Claudio Villa

Lettering: Marina Sanfelice

 

 

 

 

 

Magazine

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:570 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:783 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:875 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:836 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:1019 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1589 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:2296 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto