Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

TEX CLASSIC NUMERO 10: “I SICARI DEL DRAGO”

classictex10di Lorenzo Barruscotto.

Possiamo dire che l'albo si apre in medias res, per usare un parolone.

Vale a dire che l'altra volta la storia si era interrotta proprio sul più bello.

Tex, catturato dalla banda a cui stava dando la caccia, era stato condannato ad una morte orribile: diventare il pranzo per una colonia di terribili formiche rosse. In questo volume quindi scopriamo come riesce a portare in salvo la buccia e rimettersi sulle tracce dei banditi.

Mettere il sale sulla coda al Rosso ed i suoi accoliti ormai è diventata una questione personale.

Questo appuntamento con la ristampa a colori delle prime storie del fuorilegge che diventerà uno dei più famosi Rangers della Frontiera e che era stato agente segreto proprio per i Rangers, nominato da mister Marshall “agente numero tre” dopo Kit Carson ed il sostanzialmente sconosciuto Arkansas Joe (di cui si sa solamente che fa una brutta fine) non è privo di sparatorie, agguati, trappole e cazzotti.

D'accordo, amigos, Tex ancora non è rientrato nei ranghi della legalità, almeno ufficialmente, ma mai si è allontanato moralmente da ciò che tutti noi riconosciamo come giusto.

L'ennesima prova consiste nel fatto che veste temporaneamente ancora i panni del soprastante presso il ranch di Stanfield, il classico brav'uomo sopraffatto dai soprusi che “l'eroe del Messico” aveva deciso di aiutare appena tornato in Texas dopo aver salutato Montales.

Questa volta non ci sarà neanche tempo per i commiati, poiché le indagini porteranno il “magnifico fuorilegge” su piste ancora più pericolose rispetto a quella di una masnada di farabutti e rapitori al soldo del solito furfante dalla parvenza di rispettabilità.

La faccenda sembra prendere una piega inaspettata e si profila all'orizzonte l'ombra di una misteriosa organizzazione criminale di chiara impronta orientale, come ci suggerisce l'inconfondibile e famosa copertina ad opera di Galep. Una delle cover che vede Tex “cambiare colori”, indossando una camicia rossa invece di quella sua tradizionale gialla.

Provoca un involontario malinconico sorriso, come quando si rivedono vecchie foto di famiglia, rileggere certe espressioni inserite dal mitico Bonelli nei dialoghi che potremmo definire ingenui se confrontati con il linguaggio moderno o quando si vedono personaggi che oggi diremmo stereotipati ma che per l'epoca erano perfettamente incasellati nella normalità dello scorrere del racconto: non esisteva ancora il concetto di “politically correct” ma non c'era alcuna malizia nel sostituire ad esempio la R con la L quando parla un personaggio di origine cinese o se un rozzo cowboy chiama negro una persona di colore.

Un paio di note storiche, così avete il tempo di dare fondo alla birra gelata e di finire la fetta di torta di mele (lo so che fa caldo ma in un Trading Post di gelato non ce n'è).

Gli insulti in bocca ai razzisti che se capitavano tra le grinfie del giovane Willer, allora come ora se sono poco svegli da dire qualcosa del genere a tiro dell'udito del Ranger, venivano comunque sempre giustamente sbatacchiati come tappeti perdendo come minimo qualche dente, erano altri: filmici e sgradevoli appellativi quale “muso di carbone”, “palla di neve” o “testa rossa”.

Sempre utilizzati per sottolineare l'insensatezza del considerare un uomo diverso solamente per il colore della pelle, concetto sacrosanto ma in un certo senso anche all'avanguardia per i tempi, quando gli indiani erano sempre i cattivi ed i soldati in giacca blu sempre i buoni.

Non a caso per Tex, che durante la guerra civile ha militato nelle file dell'esercito Nordista contro la scelta del suo stesso paese, il Texas, schierato con le giubbe grigie, fratello di sangue di ogni indiano grazie alla fascia del sacro Wampum ma fratello in senso più generale di ogni uomo che vive onestamente nel rispetto degli altri e della legge, la sola distinzione in cui si dividono gli esseri umani è tra galantuomini e farabutti e se “uno ti spara addosso” tu gli rispondi con la tua Colt solo e proprio perché ti spara addosso, chiunque sia!

Stesso discorso per quanto riguarda le innumerevoli sigarette che vengono fumate da Tex e dagli altri personaggi o i giri di whisky trangugiato come se fosse acqua fresca.

Non erano spot a favore di abitudini che adesso chiameremmo voluttuarie, ma il tipico modo di raccontare il West.

Altro punto di storica valenza è il ripetersi di una certa cifra, il numero 32: ci costringe ad un tuffo nel passato avere la storia divisa da alcuni brevi titoli che si ripetono con cadenza regolare, ogni 32 vignette appunto.

I lettori con già qualche pelo sul mento conoscono bene di che si tratta, ma i “novellini” meno esperti di storia forse non sanno che una volta, si parla degli anni 50 del secolo scorso (per tutti i diavoli, sembra di citare qualcosa che accadeva nel Medioevo),

i primi fumetti venivano pubblicati in bianco e nero, come tutti sappiamo, (stile editoriale a cui ci siamo affezionati, pur non disdegnando le storie a colori degli speciali) in un ridotto formato orizzontale, composti proprio da solamente 32 piccole tavole oltre alla copertina iniziale e finale, anche loro di carta, senza cartoncini più o meno rigidi.

Tale formato doveva essere tascabile e le uscite erano più ravvicinate delle odierne pubblicazioni mensili quindi era necessario anche un titolo per ogni “striscia”.

Questa ristampa infatti riunisce a colori quelle avventure che hanno visto nascere e prendere forma la Leggenda più famosa del fumetto italiano.

Una menzione merita anche la presentazione in seconda copertina dove si trova il riassunto delle uscite con le carte di Tex ed una breve spiegazione di quello che poteva comportare una tranquilla partitina a poker tra “amici” in un saloon.

Occhio, non distraetevi cercando di incastrare una scala o sperando che alla prossima mano vi venga servito un full: in questa brutta faccenda in cui avrete "La morte nel pugno" e vivrete una "Tragica notte" ci sono promesse da mantenere e coltelli che saettano del buio da schivare.

Per non offrire un bersaglio troppo facile, non date le spalle alla finestra, amigos, se non volete rischiare di diventare un puntaspilli.

 

Disegno di Lorenzo Barruscotto tributo a Galep

Tex Galep primi anni

Magazine

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:565 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:779 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:872 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:831 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:1011 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1579 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:2289 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto