Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

I voli pindarici di Mister No

 

 misterno2

 

In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio!

Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2 e, così via, all’infinito. Ciò non accade quasi mai laddove, per motivi cronologici, si giunge al 300 senza aver mai toccato l’1. Evento la cui fattualità potrebbe apparire tanto strana se unicamente considerata entro i confini limitativi della numerazione algebrica lineare, per cui dall’1 occorre necessariamente – e non a saltare – procedere, come già detto, finché si vuole.  

Questa saltuarietà appare tuttavia propria, più che di alcune numerazioni, di certe letture che su queste insistono, come quella rappresentata da una saga a fumetti di cui non sempre – anzi quasi mai – si ha memoria cognitiva dal primo all’ultimo episodio edito; e le cui prime personali frequentazioni, a memoria d’uomo, si attestano entro albi ben superiori all’atavismo proprio del numero 1, che presto e spesso diviene un albo eccezionale e pertanto da ricordare: forse per la sua unicità, se non altro numerale. 

Così avviene che quanti intraprendano per la prima volta la lettura di un fumetto incappino non nel primissimo numero, ma nei successivi (spesso molto avanti rispetto agli esordi), così da non capirci nulla e desistere magari ai primi tentativi di un’incostante lettura, certamente più agevolata qualora (come nelle storiche serie a fumetti italiane) non esiste, se non nella struttura di default che caratterizza il layout proprio della serie, una continuità narrativa tra le storie che si susseguono e che spesso terminano, se non entro il medesimo albo, subito nel seguente. 

Proprio un episodio conclusivo segnò il mio ingresso – nella primavera del 1997 – alla lettura di Mister No: quell’albo non era il primo in assoluto, uscito nel giugno del 1975 e che, in versione ristampa (nella celebre versione del “Tutto Mister No” lanciato proprio sul finire dei gloriosi anni ’80), avrei cominciato ordinatamente a leggere circa un anno dopo. Si trattava invece del 264, dal titolo “Il vendicatore”, uscito quasi in contemporanea e da cui, ricordo, non fui particolarmente preso. Tuttavia preferii, più che dissipare del tutto e tanto celermente questa mia frequentazione novizia, immergermi nella lettura cardinale della serie, principiando da quegli albi già acquistati nel decennio immediatamente precedente dal mio progenitore di linea maschile, cultore di quella magnifica serie che è stata proprio Mister No. Già: “Ei fu, siccome immobile”, sicché ora riposa ordinatamente tra gli scatoloni e gli scaffali del mio domicilio. Mister No invero ha chiuso: dal dicembre 2006 con la serie regolare in cui prospettava già dal titolo “Una nuova vita” e dal giugno 2009 con la serie semestrale degli albi speciali di cui l’ultimo, il ventesimo (Jangadas!), proponeva un incontro con un vecchio Corto Maltese, la cui figura mi fu chiarita solo dopo un virtuale quanto fugace colloquio con lo sceneggiatore della storia, quel Luigi Mignacco che è stato, assieme al creatore nonché omonimo editore Sergio Bonelli alias Guido Nolitta (pseudonimo con cui ha sempre firmato le storie), il più prolifico redattore dei 34 anni esatti di pubblicazioni misternoniane. 34, uno più di Cristo. 

In effetti, restando in tema cristiano, è davvero un miracolo editoriale come questo personaggio non sia collassato anteriormente al compimento del primo anno di età (anzi, degli iniziali sei mesi di programmazione) e giungendo, un millennio dopo, oltre la metà degli “anni zero”, sul finire di essi seppur con alterati consensi di critica ma, soprattutto, di pubblico. Proprio quello che, nel corso del tempo, ha decrementato le vendite, dunque la possibilità di mantenere ancora in vita (editorialmente parlando) un personaggio che ci faceva volare, nel vero senso della parola. 

Lo spericolato pilota nordamericano trasferitosi in Brasile a Manaus nel secondo dopoguerra, pressappoco in concomitanza con la guerra in Corea, riuscì - sebbene all’epoca non avessi ancora preso un aereo - a farmi varcare le soglie dell’oceano Atlantico, catapultandomi addirittura nel Pacifico americano lungo epiche saghe che lo volevano (e lo volavano) in un funambolico peregrinare per tutto il Sud America: schedato in ogni stazione di polizia ed ospitato, di solito per brevi periodi e davvero immeritatamente, nelle triviali carceri brasiliane. Così gli ho volato a fianco, assieme ad imbonitori e malviventi ed i turisti (o farabutti per tali spacciatisi) dal grilletto facile, sorvolando con il suo scalcinato piper gli sconfinati cieli dell’Amazzonia e attraversandone i numerosi fiumi e fiumiciattoli.

 

Primo fra tutti il Rio delle Amazzoni (sebbene, por todos los diablos!, di leggendarie guerriere seminude non ne abbia sinora mai neppure vagamente intercettate), attraversabile più rapidamente con il voador (una piroga a motore) stando sempre attenti ai caimani che fulminei sbucavano, o ai piranha di cui quelle torbide acque sono infestate: oltre che da sciacalli della speculazione edile. Con Jerry Drake sono approdato quindi su entrambe le sponde dei fiumi: dapprima lungo i margini, poi sempre più all’interno, abitato a macchia di leopardo dalle diverse tribù di indigeni.

Quegli indios, confinati dall’uomo bianco, dalle vicende apparivano una “razza” (quella umana invero non lo è forse più) in via d’estinzione, come anche “il polmone verde del mondo” ormai solcato dalla Transamazzonica, la super autostrada che taglia la foresta come le multinazionali i suoi secolari alberi e, i locali zagaieros,  falciano quei giaguari membri di una fauna che, assieme alla sua popolazione autoctona, sembra sempre minacciata dagli alieni, ovvero gli uomini. 

Questo e tant’altro ha denunciato il più realistico dei fumetti italiani (sebbene appaia assai improbabile e quasi parodica una concentrazione così densa di incidenti aerei a puntata), che, al pari dell’antesignano Tex Willer e dell’epigono Ken Parker, si è più volte fatto portavoce dei diritti umani in avventure delle categorie deboli e delle minoranze, mettendo a repentaglio la propria incolumità per difendere gli innocenti: e, talvolta, anche coloro i quali fino a pochi attimi prima gli erano stati avversi. Un esempio da onorare per il fumetto italiano, che nel 2006 ha perso non solo un mucchio di carta (quelle 100 pagine mensili paradossalmente antitetiche al messaggio ecologico del personaggio) ma anche e soprattutto un ottimo paradigma, tale da inserirsi tra i colossi di sempre. 

Con la differenza che ad altri “colleghi” era ed è concessa un’ampia licenza d’inventare, laddove la struttura intrinseca di questi non potrebbe assai concedersi, rispetto alle teoretiche più libertarie degli altri, oltre una pragmatica riflessione su una realtà la quale, degnamente rappresentata dal “nostro”, lo ha consacrato forse più degli altri al vertice dei sognatori, con quei suoi utopistici voli pindarici ripetutamente costretti a fortunosi atterraggi d’emergenza: condizione tanto intima che ancora oggi, puxa vida!, ci inerisce. Pertanto credo a prescindere nel progetto di rilancio della testata fortemente voluto da SBE ed attendo con impazienza questo vecchio amico, per dargli idealmente due scossoni: un calcio alla sua sfortuna editoriale ed un altro per far ripartirne definitivamente il piper. 

 

Roberto Scaglione

 

Magazine

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:569 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:782 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:874 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:836 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:1019 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1588 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:2296 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto