Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Topolino precursore del fumetto di spionaggio

di Giuseppe Pollicelli* 

È in libreria il nuovo numero del trimestrale “Gnosis. Rivista italiana di intelligence”, edito dall’Agenzia Informazioni e Sicurezza Interna. Rinnovata nella grafica e nei contenuti per volontà del direttore responsabile, il generale dei Carabinieri Gianfranco Linzi, la pubblicazione (176 pagine a colori) costa 15 euro ma è possibile sottoscrivere un abbonamento annuale con lo sconto del 20% sul prezzo di copertina. Ampio e qualificato il parco dei collaboratori, tra i quali mons. Gianfranco Ravasi, Lucio Caracciolo e Giampaolo Rugarli. Per gentile concessione dell’AISI, pubblichiamo alcuni estratti dell’intervento di Giuseppe Pollicelli sul tema dello spionaggio nei comics.

Per circa tre decenni, fino alla metà degli anni Venti, i fumetti si muovono quasi esclusivamente all’interno del genere umoristico, e comunque il segno grafico con cui vengono realizzati è in netta prevalenza stilizzato e pupazzettistico. La maggior parte delle serie, negli Stati Uniti, è dedicata a storie familiari (Bringing Up Father di Geo McManus, nota da noi come Arcibaldo e Petronilla), alle vicissitudini di ragazze impegnate in contesti lavorativi (Tillie the Toiler di Russ Westover), alle peripezie di sfortunate orfanelle (Little Orphan Annie di Harold Gray), alle marachelle di temibili monellacci (Smitty di Walter Berndt) e alle vicende di simpatici animali antropomorfi detti «funny animals» (il Krazy Kat di George Herriman e il Felix di Otto Messmer su tutti). La prima striscia americana ad assumere progressivamente una fisionomia avventurosa è Wash Tubbs di Roy Crane, che, nata nel 1924 come serie umoristica, acquisisce nel giro di pochi anni connotati sempre più realistici. La svolta si ha però nel 1929, allorché su tredici quotidiani americani debutta il Tarzan di Harold Foster, trasposizione fumettistica del personaggio letterario creato nel 1912 da Edgar Rice Burroughs e «adottato» con successo dal cinema già a partire dal 1918.

Nel 1928, intanto, era nato Mickey Mouse, il topo in calzoncini corti (in seguito sostituiti da più decorosi abiti borghesi) che in Italia sarebbe stato ribattezzato Topolino. Assorbito dagli impegni in campo cinematografico, Walt Disney si rivolge ben presto a un giovane disegnatore, Floyd Gottfredson, il quale, coadiuvato da ottimi sceneggiatori come Ted Osborne e Merrill de Maris, realizza per tutti gli anni Trenta delle storie a fumetti di rara bellezza, in alcune delle quali fa capolino il tema dello spionaggio. Ad esempio, in Topolino agente della polizia segreta (1936), storia sceneggiata da Osborne, il Maggiore Beagle del Servizio Segreto Nazionale chiede a Mickey Mouse di arruolarsi nella Legione Straniera per recuperare dei piani trafugati da Gambadilegno in combutta con due loschi individui: la spia “Trigger” Hawkes (in Italia Grilletto Grifi) e lo sceicco Yussuf Aiper, a cui Topolino riesce a vendere armi caricate a salve. E in Topolino e il mistero di Macchia Nera (1939), sceneggiata da de Maris, il nostro eroe, indagando su un caso di spionaggio, s’imbatte per la prima volta sia in quello che diverrà uno dei suoi nemici storici, Macchia Nera, sia nel capo della polizia Chief O’Hara (il nostro Commissario Basettoni), il quale fa sapere a Mickey di essere alle prese con un ladro - che si scoprirà essere appunto Macchia Nera - specializzato nel furto di macchine fotografiche.

Il primo personaggio a fumetti che abbia avuto a che fare con lo spionaggio è però, molto probabilmente, il Don Winslow of the Navy ideato nel 1934 da Frank V. Martinek per i disegni di Leon A. Beroth. Giornalista e romanziere nonché ufficiale di marina durante la Prima Guerra mondiale, Martinek crea Don Winslow con un nobile scopo: rendere popolare la marina militare presso il grande pubblico e favorire così i reclutamenti. Forte della sua esperienza nel controspionaggio, Martinek fa di Don Winslow il protagonista di avventure assai realistiche che, a più riprese, provocano addirittura l’intervento delle autorità militari, timorose che il fumetto, anche senza volerlo, possa procurare ai nemici degli Usa preziose informazioni sui metodi adottati dal controspionaggio.

gnosis01

 

1) Topolino agente della polizia segreta di Ted Osborne e Floyd Gottfredson (1936). © Disney


gnosis02

 

2) Don Winslow of the Navy di Frank V. Martinek e Leon A. Beroth (1934).


gnosis03

3)  Topolino e il mistero di Macchia Nera di Merril de Maris e Floyd Gottfredson (1939). © Disney


gnosis04

 

4)  Copertina del nuovo numero della rivista "Gnosis".


*Articolo tratto da“Libero” del 14 dicembre 2013. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:570 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:784 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:875 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:836 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:1020 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1589 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:2296 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto