Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Avventure Noir: gli altri Diabolik, Kriminal e Satanik, tra eros e violenza

avventure noirdi Giuseppe Pollicelli*

A suo modo è un tributo a Diabolik. E tra i tanti che l’antieroe in calzamaglia ha ricevuto nel 2012 per i suoi primi cinquant’anni (venne creato nel 1962 dalle sofisticate sorelle milanesi Angela e Luciana Giussani, che si ispirarono ai gialli francesi di Arsenio Lupin, Fantômas e Rocambole) è forse l’omaggio più originale e lusinghiero, perché meglio degli altri documenta quanto fu potente l’impatto del Re del Terrore sull’immaginario degli italiani e sull’editoria del nostro Paese. L’omaggio di cui stiamo parlando è un monumentale libro (frutto della costanza e del sacro fuoco collezionistico di un editore e commerciante di Bari, Luca Mencaroni, che lo ha curato e dato alle stampe) intitolato Avventure Noir. La guida degli epigoni di Diabolik, Kriminal e Satanik (Ed, Mencaroni, pp. 320, euro 49, richiedibile all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.). Di grande formato, interamente a colori, valorizzato da una carta di qualità sopraffina, il tomo scheda uno per uno, dispensando una quantità incredibile di informazioni, i numeri di tutti i personaggi del fumetto italiano nati in seguito alla comparsa di Diabolik, molti dei quali contraddistinti da un’esistenza effimera e accidentata. Il lavoro, frutto di anni di ricerche, esclude dal suo raggio d’interesse non solo Diabolik ma anche i suoi due successori di fama e respiro più ampi (lo spietato delinquente Kriminal e la crudele Satanik, entrambi creati nel 1964 dallo sceneggiatore Max Bunker e dal disegnatore Magnus) per concentrarsi sui caratteri minori, quelli di cui nessuno conserva il ricordo eccezion fatta per un drappello di appassionati. Il particolare più strabiliante del volume è che di queste collane tascabili per adulti riproduce la totalità delle copertine: sfogliarne le pagine, perciò, è un vertiginoso viaggio nel tempo, significa tornare con la mente e con gli occhi a un periodo (quello che va dalla metà dei Sessanta alla metà dei Settanta) in cui l’infrazione di tabù e convenzioni era quasi un imperativo categorico. Numerosi, in effetti, furono gli editori e gli autori più o meno improvvisati che, sulla scia del successo di Diabolik, provarono a cavalcare - chi per mezzo del noir e dell’horror, chi attraverso il giallo - il desiderio di trasgressione di un’Italia inebriata dai cambiamenti di costume che il boom economico stava portando con sé.

Ecco dunque affacciarsi nelle edicole uno dopo l’altro, piccoli ma preziosi tasselli di una modernità ormai alle porte, spaventosi criminali il cui comun denominatore, oltre al fatto di indossare un inquietante costume, era quello di contenere una lettera esotica nel nome, preferibilmente una K o una X. Solo per citarne qualcuno: Fantax, Mister-X, Demoniak, Sadik, Jnfernal, Maskar, Masokis, Zakimort (una donna, quest’ultima). Ingrediente immancabile di queste saghe a fumetti era l’erotismo, sempre però associato alla violenza, alla sofferenza e ai concetti di peccato e di punizione, a testimonianza di una visione della sessualità ancora inevitabilmente intrisa di cattolicesimo preconciliare. Fra coloro che contribuirono alla realizzazione di tali personaggi figurano peraltro alcuni nomi che, negli anni a venire, avrebbero conosciuto una straordinaria consacrazione professionale. I testi di Jnfernal, per esempio, erano firmati dallo scrittore Alberto Ongaro (che nel 1986 vincerà il Super Campiello con il romanzo La partita) e da Nullo Cantaroni, autore di romantici best seller dietro lo pseudonimo (condiviso con la moglie Bice Cairati) di Sveva Casati Modignani. Il costume di Killing (unico caso, assieme a Genius, di fotoromanzo nero) venne invece disegnato dal futuro creatore di E.T., il tre volte premio Oscar Carlo Rambaldi.

Un’opera come Avventure Noir ci fa comprendere che epigoni e succedanei - vale per l’editoria ma anche per ogni altro ambito delle società industrializzate - altro non sono se non lo sfondo di un’epoca. Sono ciò che rimane in secondo piano e che è, però, parte integrante e irrinunciabile del paesaggio. L’epigono è il fantasma appena intravisto, è l’immagine dai contorni labili che tuttavia, nella sua essenza, si fissa indelebilmente nella memoria generando emozioni e ricordo. Recuperare questo sfondo come ha fatto Luca Mencaroni, conferirgli piena forma sottraendolo alle nubi della reminiscenza, equivale a rendere concreta una chimera. Significa combattere e, per una volta, sconfiggere l’impermanenza, regalando una benefica illusione di immortalità.

*Articolo apparso su “Libero” dell’8 dicembre 2012. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:570 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:784 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:875 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:836 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:1020 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1589 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:2296 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto