Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Quei «giornalini» borghesi che hanno fatto l'Italia

unsecolodicdpdi Giuseppe Pollicelli*

Il ritorno in libreria, a quattro anni dalla prima edizione, de Il secolo del Corriere dei Piccoli. Antologia del più amato settimanale illustrato (Ed. Rizzoli, pp. 320, euro 24,50), fastosa strenna curata da Fabio Gadducci e Matteo Stefanelli ora proposta in versione economica e revisionata, stimola qualche riflessione sul modo in cui le saghe e i personaggi a fumetti pubblicati dal «Corriere dei Piccoli» siano stati influenzati, a livello grafico e soprattutto a livello narrativo, dai cambiamenti storici che hanno interessato la nostra nazione dal 1908 (anno di uscita del primo numero del settimanale) alla fine del secondo conflitto mondiale.

Tra le pagine del «Corrierino» ci si imbatte, praticamente da subito, in personaggi che non appartengono affatto a un mondo favoloso e fuori dal tempo, bensì riflettono chiaramente la situazione sociale e la temperie storica dell’Italia dell’epoca. Essendo il supplemento per ragazzi del «Corriere della Sera», ovvero del quotidiano di riferimento della borghesia italiana (e, in particolare, di quella lombarda), il «Corriere dei Piccoli» avrà sempre, quale punto di vista privilegiato, per l’appunto quello della media e della buona borghesia, desiderosa di affermarsi socialmente e di migliorare la propria situazione economica. È a quest’ultima che strizza l’occhio il celeberrimo Signor Bonaventura, ideato nel 1917 da Sergio Tofano e costantemente premiato dalla sorte - al termine delle sue storielle in ottonari - con un ricco assegno da un milione di lire, poi divenuto, a causa dell’inflazione, un miliardo. E sempre alla borghesia italiana in ascesa guarda un altro pilastro del «Corrierino», il Sor Pampurio nato nel 1929 dalla fantasia di Carlo Bisi. La preoccupazione di questo personaggio è quella, peraltro regolarmente frustrata, di dotarsi di un appartamento confortevole e decoroso che sia di sua piena soddisfazione. Ma, di volta in volta, Pampurio mostrerà interesse anche per attività e passatempi, come lo sport, che iniziavano a fare breccia nella borghesia italiana degli anni Venti e Trenta del secolo scorso. In una tavola del 1935, ad esempio, Pampurio è intenzionato a dedicarsi al ciclismo, che proprio in quegli anni, grazie all’affermarsi di campioni del calibro di Girardengo, Binda, Bartali, Coppi e Magni, diverrà un vero fenomeno di costume capace di eguagliare la popolarità del calcio.

Già dal 1908 e - seppure a fasi alterne - fino al 1959, tra i collaboratori del «Corriere dei Piccoli» spicca il sanremese Antonio Rubino, fumettista e illustratore di genio il quale, col suo sofisticato stile decorativo colmo di omaggi al gusto liberty e posto spesso al servizio di storie bizzarre e perturbanti, interpreta magistralmente le angosce, i tarli e le tensioni che, dietro una facciata di serenità, affliggevano la borghesia italiana. Un’abilità di cui si era accorto anche Federico Fellini, che a proposito di Rubino (alla cui non secondaria attività di scrittore di racconti fantastici ha appena dedicato un bel libro Stampa Alternativa: Fiabe del tempo futuro in stile Novecento, pp. 168, euro 18) ha osservato: «Le tavole di questo straordinario disegnatore avevano qualcosa di spettrale, non c’era qell’abbandono immediato, festoso, ammiccante con cui si seguivano le avventure di Fortunello o di Cagnara».

Se il successo dell’avanspettacolo e della rivista, ma soprattutto l’affermarsi del cinema e dei suoi divi (non solo quelli stranieri, anche i nostrani), è all’origine della nascita di personaggi come il Macarietto (1942) di Giovanni Manca, modellato sulle fattezze del famoso comico torinese Erminio Macario, risultano essere ancor più fortemente figli del proprio evo, e dunque specchi della storia italiana, i Romolino e Remoletto di Bruno Angoletta (autore anche dell’antimilitarista, e ben più famoso, Marmittone), due balilla che, negli anni del maggior consenso popolare per il regime mussoliniano, ardono dal desiderio di accrescere il benessere della Penisola difendendola dagli attacchi di ogni potenziale nemico. Colpisce come, sulle pagine dello stesso «Corriere dei Piccoli» che pochi mesi prima ne aveva ospitato le tavole, Romolino e Remoletto,  nel 1945, vengano idealmente rimpiazzati dal piccolo Mimmo, un fanciullo disegnato dal già citato Giovanni Manca che, sventolando le bandiere dell’Italia, degli Stati Uniti e dell’Inghilterra, inneggia all’arrivo dei carri armati alleati. L’italica arte di montare sul carro del vincitore ha dunque condizionato anche il fumetto.

*Articolo pubblicato originariamente su “Libero” del 22 novembre 2012. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:570 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:784 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:875 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:836 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:1020 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1589 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:2296 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto