Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Bricklberry, i nipotini dei Griffin vivono con gli orsi

di Giuseppe Pollicelli*

I parchi naturali non sono una novità nel mondo dei cartoons ma sarà bene dimenticarsi le delicate scaramucce che dal lontano 1958 - quando fu ideato dagli animatori statunitensi William Hanna e Joseph Barbera - caratterizzano il Jellystone Park, dove il ranger Smith si adopera perché l’orso Yoghi non sottragga troppi cestini da pic-nic ai visitatori. Di ben diverse situazioni è teatro un altro immaginario parco degli Usa, il Brickleberry, set di un’omonima sit-com animata che dal settembre del 2012 si sta dando apprezzabilmente da fare per allargare i confini del politicamente scorretto. Il filone, all’ingrosso, è il medesimo dei Simpsons, di South Park e soprattutto dei Griffin (a cui Brickleberry rimanda anche nello stile grafico), ovvero quello di una satira sociale corrosiva e fortemente incline a un umorismo «scostumato». Per farsi un’idea di ciò che Brickleberry propone ai suoi spettatori è sufficiente guardare uno dei trailer del programma, in cui, com’è giusto che sia, le carte vengono scoperte subito e bene. La macchina da presa ci regala una serie di panoramiche del Brickleberry Park: scenari incantevoli in cui gli animali appaiono in perfetta sintonia con l’ambiente, il tutto enfatizzato dalle soavi note del Mattino di Edvard Grieg, dal Peer Gynt di Ibsen. Presto, tuttavia, ci si rende conto che l’idillio che sembra regnare ovunque ha motivazioni più prosaiche di quelle che ci erano state suggerite: buona parte delle bestie residenti nel parco è infatti intenta in una forsennata orgia che obbliga a rivedere radicalmente l’opinione che ci si è creati del Brickleberry. A maggior ragione dopo aver fatto la conoscenza di chi il Brickleberry sarebbe incaricato di custodirlo. Per esempio lo stordito ranger Steve Williams, che al termine dello spiazzante trailer mostra i vigorosi accoppiamenti tra animali a un drappello di sconcertati e giovanissimi scout commentando il tutto con queste parole: «Godetevi lo spettacolo fino in fondo, figlioli, quella che avete dinnanzi è la natura in tutto il suo splendore!». Colleghi di questo bel tomo sono Ethel Anderson, una ragazza bionda che viene regolarmente tradita dagli uomini di cui s’infatua; Woodrow “Woody” Johnson, l’anziano capo dei ranger, repubblicano fanatico e giocatore incallito; il nero Denzel Jackson, convinto di essere vittima di discriminazioni razziali benché approfitti bellamente delle agevolazioni che gli derivano dalla sua appartenenza etnica; la gigantesca Connie Cunaman, una lesbica dall’aspetto iper mascolino. Senza dimenticare l’orsetto Mally, la mascotte (parlante) del parco, dolcissimo esteriormente quanto rozzo e sprezzante nei comportamenti. La squadra dei protagonisti, insomma, non lascia dubbi sulle intenzioni dei due ideatori della serie, Roger Black e Waco O’Guin: urtare gli spettatori adulti attentando alle loro fragili «certezze» in materia di comunicazione sociale e suscitare in essi, per reazione, una risata liberatoria. Trasmessa negli Usa dal canale Comedy Central e giunta al termine della seconda stagione (ma già una terza è annunciata), dal 16 dicembre Brickleberry è proiettata anche nel nostro Paese grazie a Fox Italia. In un momento in cui persino i Griffin si sono parzialmente piegati ai buoni sentimenti facendo risorgere, a furor di popolo, il personaggio del cane Brian, gli autori di Brickleberry hanno tutto l’interesse a battere la strada del cattivismo, e bisogna dire che ci stanno riuscendo molto bene. Detto questo, se uno va a rivedersi certi vecchi cortometraggi della MGM con Tom & Jerry (sempre firmati da Hanna & Barbera) o, ancora meglio, quelli diretti dal grande Tex Avery, l’inventore dell’anatra Daffy Duck e del cane Droopy, si rende conto che già lì la cattiveria non mancava affatto. Ma all’epoca nessuno si poneva il problema di infrangere il politicamente corretto, poiché - bei tempi - non esisteva ancora.

brickleberry 01

brickleberry 02

brickleberry 03

brickleberry 04

*Articolo tratto “Libero” del 28 dicembre 2013. Per gentile concessione dell'autore.


Magazine

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:1141 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto

L'Intervista - Alessia Mainardi e Casa Ailus, destinazione Lucca 2018

25-10-2018 Hits:1045 Autori e Anteprime Redazione

Lucca 2018 si avvicina, scopriamo tutte le novità del collettivo Casa Ailus insieme alla sua vulcanica "capitana", la scrittrice Alessia Mainardi. Fumetto d'Autore: Buongiorno Alessia. Vorresti presentarti ai lettori del nostro sito? Alessia Mainardi: Buongiorno a tutti i lettori di Fumetto d'Autore. Di me posso dirvi che mi chiamo Alessia Mainardi, di...

Leggi tutto

L'Intervista - Paul Izzo, sceneggiatore per tutti i gusti

15-12-2017 Hits:10265 Autori e Anteprime Giorgio Borroni

Oggi, qui in esclusiva su Fumetto d’Autore ho il piacere di intervistare un fumettista a 360 gradi, che può vantare esperienze che vanno dalla pubblicazione indipendente su web fino a collaborazioni con una testata del calibro di Diabolik. Ladies and Gentlemen, ecco a voi… Paul izzo! FdA: Benvenuto su FdA, Paul, tolgo...

Leggi tutto

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:11989 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:12257 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:11938 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:12107 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto