Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

A Lucca 2013 Recchioni ci insulta e cerca la rissa ma finisce solo per uccidere lo stile Bonelli

robertorecchioniSì, Sergio Bonelli adesso è morto definitivamente. È morto a Lucca Comics & Games 2013. Sergio Bonelli è morto definitivamente quando Roberto Recchioni, curatore di Dylan Dog (la seconda testata più venduta in Italia e nel mondo) e autore di Orfani nonché rockstar del fumettomondo, è venuto a trovarmi al nostro stand per insultarmi e per cercare la rissa. “Coglione, esci fuori”, diceva Recchioni mentre le vene gli si gonfiavano e strabordavano dal suo fisico emaciato e provato dalla malattia che lo affligge e di cui ci racconta da anni. 65 anni di officina culturale Bonelli, 65 anni di stile Bonelli, distrutti in 30 secondi dal golden boy della nuova generazione Bonelli. Il fumettomondo pronto a evolversi in un fight club. E no non è una barzelletta, è successo davvero. L’autore italiano del momento è venuto a cercare la rissa. Ha trovato solo un applauso ironico, chè fatti non fummo per essere come bruti. Almeno no, non qua, non io. Povero Sergio, ho pensato vedendo andare via Recchioni con le pive nel sacco, si starà di sicuro rivoltando nella tomba. Anche perché la nomina di Recchioni a curatore di Dylan Dog non è un lascito testamentario di Bonelli ma il rutilante e meraviglioso futuro bonelliano creato da Mauro Marcheselli e Tiziano Sclavi con l’avallo di Davide Bonelli.

Parafrasando Petrolini, la colpa non è di Recchioni ma di chi in Bonelli ha messo questo poveretto dove lo ha messo. E vieppiù viene da sorridere per l'ironia del destino. Marcheselli e compagnia bonelliante, dopo la morte del buon Sergio, al grido di “noi siamo stati scelti a uno a uno da Bonelli” sono diventati i sacerdoti del culto e dello stile Bonelli e poi alla prima nomina senza più la supervisione del vecchio morto e sepolto, gli scappa fuori un Pierino così, un poveretto che puzza ancora squallidamente di borgata, un pidocchio mal riuscito anche lì sull’apice del suo successo.

Siamo al tentativo di trasformare il fumettomondo in un fight club. Siamo al tentativo di eliminazione fisica di chi osa criticare. E il dramma nella commedia è che la corte dei miracoli, lì tutta accucciata sotto la tavola in attesa delle briciole, applaude. Anzi, secondo questi fini lecchini sarei io il vigliacco perché non ho accettato l’invito di Recchioni a farla finire in rissa. Che tristezza. Lo stile Bonelli è morto ucciso dall’ultima recchionata, frutto dell’ ennesima spasmodica ricerca di un palcoscenico in cui esibirsi a ogni costo. Un giorno Recchioni se la prende con il fandom di Zagor inventadosi la solita balla a uso e consumo personale, un giorno viene a cercare la rissa. A proposito, Recchioni è talmente stupido da non essersi forse reso conto nella foga di insultarmi e invitarmi a “uscire fuori” che il “fuori” dove voleva la “resa dei conti” corrispondeva agli stand delle forze dell’ordine davanti al padiglione Giglio dove si trovava il nostro stand. Un capolavoro situazionista questa recchionata.

Ma vabbè sono dettagli. Stupidi dettagli di un poveretto che pensa di stare ancora alle scuole medie o in una tribù di barbari e non di essere un dipendente di primo piano di Sergio Bonelli Editore. E domani con chi se la prenderà Recchioni? Chissà. Intanto, un applauso, anche questo ironico, a Sergio Bonelli Editore: avere uno così a libro paga che vi rappresenta è un ottimo modo per continuare una tradizione di immagine aziendale che Sergio Bonelli ha faticosamente costruito in più di mezzo secolo di onorata carriera. In fondo, morto il vecchio, se qualcosa non garba, adesso c’è lo stile Recchioni: “coglione, esci fuori”.

Ps: sono convinto che il destino di Recchioni in Bonelli sia tutto appeso ai numeri delle vendite che saprà fare con Orfani e Dylan Dog. La rockstar è seduta su una polveriera. Se dovesse scoppiare, nel giro di un paio di anni ci sarebbe di sicuro la notte dei lunghi coltelli Bonelli (copyright di F.) perché non so se qualcun altro lo ha già scritto, ma Recchioni si trova in quella tipica situazione che se gli va bene, il successo è di tutti, se gli va male sarà il capro espiatorio di tutti. Staremo a vedere. Seduti sulla riva del fiume attendiamo che il destino faccia il suo corso e che Recchioni ci venga a cercare la prossima volta. Lo applaudiremo di nuovo.

Magazine

L'Intervista - Paul Izzo, sceneggiatore per tutti i gusti

15-12-2017 Hits:5689 Autori e Anteprime Giorgio Borroni

Oggi, qui in esclusiva su Fumetto d’Autore ho il piacere di intervistare un fumettista a 360 gradi, che può vantare esperienze che vanno dalla pubblicazione indipendente su web fino a collaborazioni con una testata del calibro di Diabolik. Ladies and Gentlemen, ecco a voi… Paul izzo! FdA: Benvenuto su FdA, Paul, tolgo...

Leggi tutto

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:7121 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:7486 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:7284 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:6946 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:7299 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:7963 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto